Il nostro caffè letterario vuole essere una piccola guida, la voce di un amico che ti consiglia quali libri leggere nelle giornate in cui quello che ti serve sono solo parole stampante, e una tazza di caffè.

 

Blog

Coffe And Books / Libri  / Abbaiare stanca, trama e citazioni del libro di Pennac
Abbaiare stanca

Abbaiare stanca, trama e citazioni del libro di Pennac

Abbaiare stanca è un libro del 2006 scritto da Daniel Pennac. Il classico libro che i genitori fanno leggere ai ragazzi che insistono per avere un cane. O che si legge nell’attesa del suo arrivo. Non è un manuale ma riesce ad insegnare davvero molto; sui cani, ma anche sulle persone. Daniel Pennac parla di sé e del suo amore per i cani:

Non sono uno specialista di cani. Solo un amico. Un po’ cane anch’io, può darsi. Sono nato nello stesso giorno del mio primo cane. Poi siamo cresciuti insieme. Ma lui è invecchiato prima di me. A undici anni era un vecchietto pieno di reumatismi e di esperienza. Morì. Io piansi. Molto”. 

Abbaiare stanca, la trama

Pennac racconta la storia di un cane. Non ha un nome o, meglio, ha un ‘non nome’ che dice molto di lui: Il Cane bastardo. Cane vive una vita da randagio fino a che non viene trovato al canile da Mela. Nonostante sia solo un bastardo il Cane è il vero protagonista del libro che è scritto dal suo punto di vista. Spetta a lui il difficile compito di addestrare la sua padroncina, Mela. Mela pian piano diventa la migliore amica di Cane ed impara a comprenderlo ed a farsi comprendere. A condividere e, al tempo stesso, rispettare gli spazi di ognuno.

Non è sempre facile, bisogna imparare a trovarsi e ritrovarsi. A non mollare.

Cane infatti nel libro fugge, anche se poi torna dalla sua Mela. E proprio questo non abbandonare da chi è stato abbandonato permette di costruire un rapporto idilliaco. Così bello da arrivare addirittura a far ingelosire i genitori della bambina  fino a spingerli ad abbandonare Cane in autostrada. Cane non si lascia abbattere e, facendo affidamento sulle sue doti olfattive, riesce a ritornare a Parigi.  Dopo mille avventure con amici cani e gatti, riuscirà a dare una bella lezione ai genitori di Mela e a riconquistare, finalmente, il proprio posto per accucciarsi accanto alla sua amica Mela.

Abbaiare stanca, alcune citazioni

Abbaiare stanca: Sull’amore per i cani…

“Incontrerete forse persone che si burleranno del vostro amore per i cani, che affermeranno che amare i cani nasconde un’incapacità di amare gli uomini… Lasciateli dire. Sono tutte stupidaggini. E’ incredibile quante idee preconcette circolino sugli amatori di cani! Tanta gente afferma, per esempio, che l’amore per i cani quello per i gatti sono incompatibili. Tra cani e gatti, secondo loro, bisogna scegliere, non si possono amare tutt’e due. Dupont, Sarah, Gabriella, Ti’Marcel, alcuni dei gatti della mia vita, devono ridere di gusto sentendo simili discorsi. E quando un cane o un gatto ridono di te, lo si vede. […] Ah, un’ultima cosa: quando si sceglie di vivere con un cane, è per sempre. Non lo si abbandona. Mai. Mettetevelo bene in mente prima di adottarne uno.”

Abbaiare stanca: Sui cani e sugli uomini

“D’altronde, che cosa ho da dire io? Poche cose. E che riguardano soprattutto gli uomini. Questa, per esempio: se avete un cane, o quando ne avrete uno, non siate, vi prego, né ammaestratori né ammaestrati. Cioè: non siate uno di quei ‘padroni’ tutti fieri di aver trasformato il proprio cane in un tappetino, in una belva o in una bambola meccanica. ‘Guardate com’è intelligente il mio cane’ sembra sempre che vi dica quel tipo di gente; e mentre vantano l’intelligenza della loro bestia, sui loro visi di ammaestratori soddisfatti si dipinge una bestialità senza limiti.”

Abbaiare stanca: Dignità, innanzitutto

“Ma non siate nemmeno ammaestrati. Non siate di quelle persone completamente sottomesse alla volontà del cane, che non pensano che a lui, che non parlano che di lui e la cui vita si riassume in questo: possiedono un cane. Un minimo di ammaestramento è necessario. Ma bisogna intendersi sul significato della parola. Un buon ammaestramento è quello che impone il rispetto della dignità di entrambi. «E che cos’è la dignità per un cane?» mi domanderete voi: è di essere cane. Da questo punto di vista, il buon ammaestratore deve cominciare ad ammaestrare se stesso, cioè a rispettare la dignità del cane che gli vive accanto, se vuole comportarsi lui stesso dignitosamente, da uomo. In fondo il rispetto delle differenze è la legge stessa dell’amicizia”

Ecco. E’ più o meno tutto quello che avevo da dire. Ah! Un’ultima cosa: quando si sceglie di vivere con un cane, è per sempre. Non lo si abbandona. Mai. 

 

 

1 Comment

Post a Comment

Powered by Corsi Barman Roma