Il nostro caffè letterario vuole essere una piccola guida, la voce di un amico che ti consiglia quali libri leggere nelle giornate in cui quello che ti serve sono solo parole stampante, e una tazza di caffè.

 

Blog

Coffe And Books / Libri  / Amore e Psiche di Apuleio, una favola moderna
Amore e Psiche

Amore e Psiche di Apuleio, una favola moderna

Amore e Psiche è una favola d’altri tempi ma, allo stesso tempo, modernissima. Rileggendola oggi mi viene da chiedere perché nel nostro immaginario si sia fermato il dolore e non la felicità. Perché, se qualcuno ci chiede di ricordare, ci viene in mente Psiche che prende la lanterna per illuminare il volto del suo amante sconosciuto sicura che le apparirà un serpente dalle spire mostruose?
Diciamoci la verità, Psiche, illuminando il suo Amore, innesca una lunga serie di indicibili sofferenze. Ed è proprio la luce il punto di partenza della colpa. Il momento della perdita.

Perché, allora, siamo tutti dalla parte di Psiche?

Per appassionarci alla favola d’amore basta il racconto in sé, la strada che congiunge l’inizio alla fine. Ma per farci sentire in sintonia con Psiche ci vuole qualcosa in più. E c’è. È il suo essere una di noi. Certo è bellissima, ma non per questo ha vita facile! E’ innamorata di un Dio che non le è concesso di vedere ma non può certo fare a meno di chiedersi se il suo corpo e la sua passione vengano donati tutte le notti ad un essere divino o a un mostro. Che poi è la domanda che chiunque di noi si è fatto! Chi, almeno una volta nella vita, osservando la persona amata che ci dorme accanto, non si è chiesto chi è davvero essere umano a cui si sta concedendo le proprie giornate, il proprio amore ed il futuro? È l’essere speciale che ci sembra di aver intuito o è un mostro che ci farà del male?
Psiche prova a resistere alla curiosità, ma invano. Così alla fine scioglierà il dubbio e per lei la differenza tra il divino Amore e il serpente mostruoso sarà netta.

Invece, per quanto ci riguarda, lo scioglimento del dubbio rimane più difficile. Ma questo è proprio il motivo fondamentale per cui la favola di Amore e Psiche ci sta ancora così tanto a cuore.

Perché noi, pur sapendo che non deve guardare Amore, nel più profondo del nostro cuore speriamo che lo faccia. Così almeno lei potrà capire. Visto che a noi pare sia stato assegnato un destino diverso: e cioè che quella lampada non illuminerà mai abbastanza, non farà mai totale chiarezza, al massimo suggerirà, ma sarà sempre come stare in penombra. Non ne saremo mai sicuri. Per questo motivo siamo così appassionati e complici di Psiche: perché lei chiarisce una volta per tutte ciò che a noi forse non sarà mai chiaro in modo definitivo.
Questo è il punto fondamentale in cui la favola di Amore e Psiche e il mondo attuale comunicano ininterrottamente.
Il mondo di oggi, forse ancor più che quello in cui ‘vive’ Psiche, è composto da divinità da una parte e da mostri dall’altra. Molti esseri umani sono alla fanatica ricerca dell’identificazione con la divinità, che è un modo per diventare divinità essi stessi, e qualcuno, se non ci riesce, dà la sua disponibilità a trasformarsi in mostro. Sono dunque disposti a tutto pur di non limitarsi a restare essere umani.

Così procedendo, i due estremi si confondono, e confondono chi rimane in mezzo, frastornato: l’essere umano normale.

Così in mezzo ci ritroviamo noi, confusi esseri umani che giriamo come degli inabili Psiche sempre con la lanterna accesa, ma il nostro problema è che non si vede poi tanto la differenza tra la bellezza di Amore e le mostruose spire del serpente. La società ha costruito un mito doppio, lasciando a noi il difficile compito di portarvi un po’ di luce.

TITOLO: Amore e Psiche

AUTORE: Apuleio

LINGUA ORIGINALE: Latino

ANNO: Dopo il 158

No Comments

Post a Comment

Powered by Corsi Barman Roma