Il nostro caffè letterario vuole essere una piccola guida, la voce di un amico che ti consiglia quali libri leggere nelle giornate in cui quello che ti serve sono solo parole stampante, e una tazza di caffè.

 

Blog

Coffe And Books / Libri  / Charles Baudelaire, le frasi più belle
charles boudelaire

Charles Baudelaire, le frasi più belle

Charles Baudelaire è uno scrittore, ma non solo, tanto amato quanto discusso. Già alla sua epoca, prima ancora di essere conosciuto come scrittore, divenne famoso per il suo essere un dandy dedito a spese folli. Arrivò addirittura a dilapidare il patrimonio del padre. Proprio in seguito a questo fu fatto interdire su richiesta della madre.

Charles Baudelaire, la vita

Charles Baudelaire è stato poeta, scrittore, critico letterario, critico d’arte, giornalista, aforista, saggista e traduttore.  Nel 1845 pubblicò il suo primo lavoro e guadagnò notorietà con il suo volume di poesie del 1857, “Les Fleurs du mal” (I fiori del male).

I temi trattati ruotano attorno al sesso, la morte, il lesbismo, la metamorfosi, la depressione, la corruzione urbana, la perduta innocenza e l’alcool gli permisero di raccogliere seguaci fedeli e molte polemiche.

Venne infatti processato e accusato di “offendere la morale pubblica e il buon costume”. Fu dunque costretto ad eliminare le sue poesie più oscene. Dal 1959 in poi lo stato di salute di Charles si aggravò a causa dello stress, della sua dipendenza dal laudano, delle ristrettezze economiche e della sifilide.

Charles Baudelaire, le frasi più belle

  • Non disprezzate la sensibilità di nessuno. La sensibilità è il genio di ciascuno di noi.
  • E’ ora di ubriacarsi! Per non essere gli schiavi martirizzati del Tempo, ubriacatevi, ubriacatevi sempre! Di vino, di poesia o di virtù, come vi pare.
  • Dio è l’unico essere che, per regnare, non ha nemmeno bisogno di esistere.
  • Ma i veri viaggiatori partono per partire e basta: cuori lievi, simili a palloncini che solo il caso muove eternamente, dicono sempre “Andiamo”, e non sanno perché. I loro desideri hanno le forme delle nuvole.
  • Quel che c’è di fastidioso nell’amore è che è un delitto in cui non si può fare a meno di un complice.
  • Credo di avere già scritto nelle mie note che l’amore somiglia molto a una tortura o a un’operazione chirurgica. Ma questa idea può essere sviluppata nella maniera più amara. Anche nel caso che due amanti siano molto presi l’uno dell’altro, e abbiano forti desideri reciproci, uno dei due sarà sempre più calmo o meno infatuato dell’altro. Costui o costei, è il chirurgo, o il carnefice; l’altro è il suddito, la vittima.
  • La stupidità è spesso ornamento della bellezza; è la stupidità quella che dà agli occhi la limpidezza opaca degli stagni nerastri, la calma oleosa dei mari tropicali.
  • Il vino assomiglia all’uomo: non si saprà mai fino a qual punto lo si possa stimare o disprezzare, amare o odiare, né di quali azioni sublimi o di quali mostruosi misfatti sia capace.
  • Quei giuramenti, quei profumi, quei baci infiniti, rinasceranno.

Powered by Corsi Barman Roma