Il nostro caffè letterario vuole essere una piccola guida, la voce di un amico che ti consiglia quali libri leggere nelle giornate in cui quello che ti serve sono solo parole stampante, e una tazza di caffè.

 

Blog

Coffe And Books / Senza categoria  / La solitudine dei numeri primi
COFFE&BOOK COP la solitudine dei numeri primi

La solitudine dei numeri primi

La solitudine dei numeri primi un romanzo di Paolo Giordano.

Il romanzo racconta la storia di Alice e Mattia.

Alice è una bambina di sette anni.  Il padre la costringe a frequentare un corso di sci, anche se lei non ama particolarmente questo sport. Una mattina, Alice si separa dal resto del gruppo e, nel tentativo di tornare a valle, finisce in un dirupo rimanendo gravemente ferita. A causa di questo terribile incidente rimarrà zoppa per il resto della vita.

Mattia è un bambino molto dotato che fa un po’ da contraltare alla gemella Michela, che invece è affetta da una grave forma di ritardo mentale. A causa della sorella viene ghettizzato dagli altri bambini e spesso si ritrova ad essere solo. Un evento cambierà la sua vita: lascia la sorella in un parco per poter andare ad una festa di compleanno e la ragazzina sparisce. Forse annegata nel vicino fossato, anche se non verrà mai trovata.

La solitudine dei numeri primi: vite parallele che non si uniscono mai

Durante l’adolescenza Alice soffre di anoressia nervosa ed è ancora esclusa dai ragazzi a causa della sua zoppia. Viola Bai, sua compagna di classe molto popolare, decide di ammetterla nel proprio giro e gli presenta Mattia, un ragazzo problematico e solitario che ha una certa attitudine all’autolesionismo.

Alice e Mattia stringono un’amicizia solida ma al tempo stesso molto rigida: entrambi svolgono la propria esistenza autonomamente, cercandosi solo quando ne sentono il desiderio. Dopo il liceo Mattia si iscrive a matematica e Alice segue la sua passione per la fotografia.

Alice conosce Fabio Rovelli, un giovane medico e si innamora di lui decidendo di sposarlo. Mattia si trasferisce nel nord Europa per insegnare in un’università.

Il matrimonio tra Fabio ed Alice declina lentamente: Fabio vuole un figlio da Alice ma lei non può averne. Questo scoglio non verrà mai superato e porterà all’inevitabile separazione.

Alice decide di farsi vedere da un medico. recandosi in ospedale vede una ragazza e, pensando possa essere la gemella di Mattia lo chiama e gli chiede di tornare in Italia. I due ragazzi passano del tempo insieme e, tutto il tempo che li aveva separati, si dissolve. Alice bacia Mattia, scoprendo così di essere ancora innamorata di lui. Nonostante tutto i due non riescono a superare il muro di solitudine che li separa e Mattia ripartirà per il nord Europa.

I due ragazzi sono come due numeri primi gemelli

I numeri primi sono per definizione solitari ed isolati, anche se vicinissimi fra loro. Questo poiché, anche se sono separati da un solo numero e sono accomunati dalle stesse particolarità, non riescono mai ad unirsi perché sono divisi da un invalicabile ostacolo.

Quante volte succede che due vite scorrano parallele senza incontrarsi mai? Attrazione, repulsione… Leggi fisiche che spesso son nulla di fronte alla legge del cuore. Bisogna amarsi per saper amare. Ci sono persone che portano dentro fratture insanabili, e il loro destino ne viene ineluttabilmente segnato. Si può guarire? E’ possibile tornare ad aprirsi ed amare? Si, ma non sempre.

La solitudine dei numeri primi non è tra i mie libri preferiti, una sorta di insoddisfazione indefinita mi è rimasta addosso, ma è sicuramente un libro che ha molto da dire.

 

Edito da Mondadori, ha ricevuto i Premi Strega e Campiello opera prima 2008.

No Comments

Post a Comment

Powered by Corsi Barman Roma