Il nostro caffè letterario vuole essere una piccola guida, la voce di un amico che ti consiglia quali libri leggere nelle giornate in cui quello che ti serve sono solo parole stampante, e una tazza di caffè.

 

Blog

Coffe And Books / Libri  / Non lasciarmi, il libro che ha vinto il Nobel nel 2017
Non lasciarmi

Non lasciarmi, il libro che ha vinto il Nobel nel 2017

Non lasciarmi è un libro di Kazuo Ishiguro. Con questo libro Ishiguro ha vinto il Nobel per la letteratura nel 2017. Si tratta di un romanzo commovente in cui i sentimenti di amicizia e amore sono i veri protagonisti. Amore e amicizia non vengono mai trattati come sentimenti buonisti e sfruttati per un troppo facile coinvolgimento del lettore ma visti come armi forti e potenti da usare contro egoismo e crudeltà.

Non lasciarmi, la trama

Kathy, Ruth e Tommy sono cresciuti in un collegio immerso nella campagna della provincia inglese. Non hanno i genitori ma non sono nemmeno veri e propri orfani. Non crescono soli ma vengono amorevolmente educati da un gruppo di tutori che li protegge dal mondo esterno e li tratta come esseri speciali. Ma qual è, di fatto, il motivo per cui sono lì? E cosa li aspetta oltre il muro del collegio? Solo molti anni più tardi, Kathy, ora una donna di trentun anni, si permette di cedere agli appelli della memoria. Quello che segue è la perturbante storia di come Kathy, Ruth e Tommy si avvicinino a poco a poco alla verità della loro infanzia apparentemente felice, e al futuro cui sono destinati. Un romanzo intenso e commovente dall’autore di “Quel che resta del giorno”

Non lasciarmi, frasi dal libro

Alcune citazioni che potrebbero davvero farti capire lo stile del libro. Frasi in grado di restare impresse nel cuore.

“Rimanemmo così, sulla sommità di quel capo, per quello che ci sembrò un tempo infinito, abbracciati senza dire una parola, mentre il vento non smetteva di soffiarci contro, e sembrava strapparci i vestiti di dosso; per un istante fu come se ci tenessimo stretti l’uno all’altra, perché quello era l’unico modo per non essere spazzati via nella notte.”

 

Stavo parlando con uno dei miei donatori l’altro giorno, che si lamentava di come i ricordi, anche i più preziosi, svanissero sorprendentemente in fretta. Però io non sono d’accordo. I ricordi che mi sono più cari, mi sembra che non svaniranno mai. Ho perso Ruth, poi ho perso Tommy, ma non perderò mai i ricordi che serbo di loro.

 

E su di me cominciò ad aleggiare l’idea che molte delle cose che avevo sempre creduto di poter fare, pensando di avere tutto il tempo a mia disposizione, in realtà avrei dovuto farle in fretta, altrimenti le avrei perdute per sempre. 

 

Powered by Corsi Barman Roma